Stazione meteo di Priverno Sud - Osteria

Rilevazioni dati meteoclimatici nel Comune di Priverno (LT)

Stazione meteorologica a norma MeteoNetwork - Rete MeteoNetwork - Licenza ODbL


LuogoPriverno
LocalitàPriverno Sud - Osteria
ProprietarioLudovico Tacconi
StrumentazioneDavis Vantage Pro 2
Latitudine41.467 N
Longitudine13.191 E
Altitudine44 mslm
Altezza dal suolo1200 cm
SchermaturaStandard
TipologiaUrbana
Tipo ubicazioneTetto

Sei il gestore della stazione e alcuni dati non sono esatti? Modificali comodamente da myMeteoNetwork!

Foto del posizionamento

stazione
stazione

Descrizione della stazione e del clima della zona

Priverno (15.000 abitanti circa) si distende su alcuni arrotondati dorsali di modesta elevazione alle pendici nord orientali del sistema collinare dei Monti Seiani, al centro della Valle dell’Amaseno tra le due catene antiappenniniche dei monti Lepini e dei monti Ausoni. Il Clima generale della zona è spiccatamente di transizione tra il sub-litoraneo e il sub-continentale, sia per la posizione, a metà strada tra il mar tirreno e l’appennino, sia per il fatto che la valle del fiume Amaseno è un vero e proprio corridoio naturale tra la pianura marittima e la zona assiale appenninica divenendo, per tale ragione, sede privilegiata di scambi d’aria mare – continente. Le caratteristiche principali del clima privernate sono la presenza d’inversione termica , a causa della topografia locale che consiste in un ampio catino vallivo circondato da rilievi di media altitudine. Una vivace ventilazione con dominanza generale, per questioni orografiche, delle correnti da Nord e da NordEst , seguite da quelle occidentali e meridionali nei periodi perturbati o sottoforma di brezze pomeridiane nella bella stagione. Una elevata piovosità (tra 1100 e 1500 mm annui) ben distribuita in tutte le stagioni con minimo accentuato estivo e due massimi nelle stagioni intermedie; precipitazioni per lo più moderate anche considerando la conformazione geomorfologica del territorio costituito da forti bastioni calcarei poco o nulla soggetti a fenomeni di dissesto idrogeologico. Eventi precipitativi estremi si sono comunque verificati svariate volte nel tempo, specialmente in passato con relative estese alluvioni nel fondovalle; tra i più recenti degni di nota spiccano in particolare i 90 mm caduti in soli 20 minuti il 16 Settembre 1996 durante un nubifragio associato ad una tromba d’aria e i 137 mm caduti in un’ora la notte del 6 Ottobre 2013 con conseguenze molto gravi in tutto il territorio comunale. Temporali e grandinate sono relativamente frequenti e possono verificarsi durante tutto l’anno, mentre soltanto occasionali sono le nevicate a bassa quota per l’ubicazione nel versante occidentale italiano dove il freddo intenso è solo raramente associato a precipitazioni degne di nota. La temperatura è relativamente accettabile in tutte le stagioni ove non mancano però alcuni picchi sia invernali che estivi i cui estremi nel tempo sono stati -17°C l’11 Gennaio 1985; -11°C il 17 Dicembre 2010 e -12°C il 7 Gennaio 2017, (con annesso ghiacciamento totale del fiume Amaseno), contro 41.4°C del 2 Agosto 2017 che ha stracciato il precedente record di 39.8°C del 25 Agosto 2007. CARATTERISTICHE SITO STAZIONE MNW PRIVERNO SUD – OSTERIA: Il Quartiere Priverno Sud-Osteria dov’è installata la Stazione, è una lingua urbanizzata che si allunga dalla collina del centro storico verso i pendii meridionali dei suddetti Colli Seiani, alle pendici della zona residenziale denominata "San Martino", in posizione panoramica sul fondovalle solcato dal fiume Amaseno e con ampia vista sui Monti Lepini a NNW e il bastione delle Serre di Roccasecca incombente ad Est. Climaticamente la situazione è leggermente diversa rispetto all’area urbana collinare la quale è molto aperta e soggetta a ventilazione dominante da Nord e NordEst, talvolta interessata da burrasche di Greco/Tramontana anche di forte intensità; la stazione viceversa si trova alla confluenza di tre vallate per cui la ventilazione ne è fortemente condizionata assumendo una circolazione secondaria del tutto locale. In particolare si nota una deviazione dei venti settentrionali (rilevati nello stesso istante in quasi tutto il resto del territorio comunale) i quali, costretti ad aggirare la collina urbana si incanalano nella cosiddetta “Valle Cagnana” - che divide nettamente il centro abitato dai colli a SSW - disponendosi a provenire da Ovest, direzione che diviene predominante rispetto a tutte le altre. Non si hanno apprezzabili differenze invece circa le precipitazioni, mentre nonostante l’altitudine inferiore rispetto all’area collinare urbana, per la presenza costante di brezze le temperature minime non scendono per inversione quanto ci si aspetterebbe risultando pressochè uguali a quelle registrate nell'area più elevata del centro storico e superiori anche di 3° o 4°C rispetto al fondovalle rurale dell'Amaseno. Riguardo le temperature massime d'altra parte, esse risultano costantemente più elevate di un grado rispetto a quelle urbane collinari.